“Il Conte di Montecristo” di Alexandre Dumas

41tgk3m47hl-_sx319_bo1204203200_Proprio oggi ho finito di leggere questo stupendo romanzo.

Chi mi conosce sa che io leggo TUTTO. Questa volta mi sono lanciata nella lettura di un classico della letteratura francese ottocentesca, scritto da Alexandre Dumas (l’autore de “I tre moschiettieri”, per intenderci). Questa scelta è stata, in realtà, dettata dal caso. Ero in giro per la festa patronale di Sant’Oronzo a Lecce, quando mi sono imbattuta in questa bancarella fantastica, piena di libri a prezzi stracciati. Ho trovato il mio bel romanzo, l’ho pagato solo € 5 e sono stata tutta la sera a trascinarmi dietro ben 1019 pagine.

La trama del romanzo credo che sia nota alla maggior parte delle persone. Il protagonista, Edmondo Dantès, sta per essere nominato capitano della nave mercantile Pharaone sta per sposarsi con la bella catalana Mercedes. Ma l’invidia del pescatore Fernando, suo rivale in amore, del contabile Danglars, che aspira a conquistare il suo posto, e Caderousse, un amico geloso, fa sì che questi escogitino un piano per farlo accusare di bonapartismo e, di conseguenza, farlo arrestare. Dantès proclama la sua innocenza, ma nessuno lo ascolta. Viene, dunque, incarcerato nel castello d’If, terribile prigione in mezzo al mare, dove vi rimarrà rinchiuso per quattordici anni, senza conoscere il suo capo d’accusa. Qui, però, fa la conoscenza dell’abate Faria, un uomo intelligente e coltissimo, che lo istruisce e gli racconta di un tesoro nascosto sull’isola di Montecristo. Quando Dantès riesce a fuggire dalla prigione, si impossessa di questo tesoro, divenendo il Conte di Montecristo, e, ormai ricchissimo, torna in Francia con l’unico obiettivo di vendicarsi.

In realtà la trama non è particolarmente complicata. Non vengono trattati temi obsoleti, cosa che si può pensare automaticamente quando si sente parlare di “classici”. Al contrario, gli argomenti affrontati sono modernissimi: la giustizia, la vendetta, il perdono, la misericordia. Eppure io e “Il conte di Montecristo” abbiamo avuto un rapporto un po’ turbolento. Ci sono voluti diversi mesi, infatti, affinchè terminassi di leggerlo. Perché? Forse perché un romanzo come questo, un classico, per l’appunto, necessita una certa predisposizine. I problemi che ho roscontrato durante la lettura sono stati, comunque, solo due. Innanzitutto, il linguaggio, che non è certamente uno dei più attuali e ha fatto sì che a volte abbia dovuto concentrarmi per capire cosa stavo leggendo, il che, per come la vedo io, non è piacevolissimo. Infine, per l’intera narrazione sono disseminati talmente tanti nomi e, di conseguenza, talmente tanti personaggi, da creare, a volte, un po’ di confusione. Ma per un romanzo di questo livello, assicuro che ne è valsa la pena. E non dico questo perché io sono una fissata con i libri. No. Lo dico perché è facile leggere i cosiddetti “best-seller” che ci rifilano ultimamente, dove si parla di tutto e di niente, dove magari l’italiano lascia parecchio a desiderare. Credo che se vogliamo veramente capire chi siamo, da dove veniamo, se vogliamo capire veramente la nostra cultura, dobbiamo partire proprio da lì, da questi classici che più ci spaventano perché, sì, sono pieni di paroloni o di fatti che non conosciamo, ma scopriremo che sono estremamente moderni, attuali. Basta prendere come esempio “La Divina Commedia”, il più grande capolavoro di letteratura di tutti i tempi, studiato in tutto il mondo, e capiremo che per creare qualcosa di valore, oggi, dobbiamo per forza guardare indietro.


41tgk3m47hl-_sx319_bo1204203200_Il conte di Montecristo – Alexandre Dumas
Feltrinelli, 1191 p.
Formato Kindle € 3,99
Copertina Flessibile € 12,75

Annunci

3 pensieri su ““Il Conte di Montecristo” di Alexandre Dumas

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...