IL CARNEVALE DI VENEZIA 2014

Eccomi qui, oggi, pronta a parlarvi del Carnevale di Venezia (come sempre in ritardo).

Vivendo a Mestre non potevo assolutamente perdere questo evento (nonostante il caos, i turisti impazziti, i bambini che lanciavano coriandoli ovunque e che ho ritrovato nella mia borsa una settimana dopo, i passeggini che tagliano la strada). 
In particolare sono stata a Venezia domenica 23 febbraio, in occasione del famoso Volo dell’Angelo. Considerando che è stata l’unica bella giornata durante il Carnevale, che è durato dal 15 febbraio al 4 marzo, non posso che ritenermi fortunata.
 

Il Carnevale di Venezia è, come sanno tutti, uno dei Carnevali più apprezzati al mondo. Ha origini antichissime. Addirittura le prime testimonianze risalgono al 1090. Riuscite ad immaginare una tradizione così antica? Si trattava di una pratica la cui nascita è attribuita alla necessità della Serenissima di concedere alla popolazione un periodo di divertimenti e festeggiamenti. Un periodo durante il quale, celandosi dietro a delle maschere, le differenze sociali venivano totalmente annullate. 
Assistendo al corteo del Doge, dove tutti i personaggi sono interpretati da Veneziani doc, leggevo nei loro sguardi una sorta di orgoglio. Orgoglio nell’interpretare e dare vita ad una tradizione così antica e che contribuisce senza dubbio a fare di Venezia una perla del nostro paese.

In realtà pensando al Carnevale ero un pò in ansia all’idea che sarei stata circondata da persone dai volti celati dietro a maschere inespressive. In realtà, mi sono sorpresa nel ritrovarmi totalmente e perdutamente affascinata.

Affascinata dal tripudio di colori. Affascinata dalla fantasia di questi abiti. Affascinata dagli occhi impenetrabili che si intravedono dalle maschere. Affascinata dall’eleganza con cui queste persone interpretano il loro personaggio, concedendo fotografie a chiunque glielo chieda, con un solo cenno della mano.
Dopo aver girovagato per un pò, ci siamo finalmente fermati in Piazza San Marco, pronti per assistere al Volo dell’Angelo. E’ questo l’evento che decreta ufficialmente l’inizio del Carnevale.
La discesa viene effettuata dalla ragazza eletta Maria dell’anno durante il Carnevale precedente. La ragazza parte dalla cella campanaria del Campanile di San Marco e, assicurata da un cavo metallico, effettua la sua discesa fino a Piazza San Marco, sopra la folla di turisti con il naso all’insù, dove verrà accolta dal Doge.

E’ stato bello riscoprire una festa come questa. Una festa da cui generalmente ci si allontana una volta diventati grandi. E poi Venezia, con il suo fascino senza tempo, aveva un’aria totalmente diversa. Sarà stato il sole alto in cielo. Saranno state le calli piene di turisti. I click delle macchine fotografiche. I bambini allegri. I colori luccicanti. La gioia. L’allegria. Sarà stato tutto questo, non lo so. Ma quando sono tornata a casa, stavo bene. Veramente bene.

Per visitare Venezia e prenotare la tua vacanza clicca qui.


Fotografie di Antonio Bruno Photography.

Annunci

3 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...