Intervista a Rosa Ventrella, autrice di “Innamorarsi a Parigi”

 rosaventrellaNon so voi, ma quando leggo un libro nasce dentro me subito una curiosità. Com’è l’autore? Cosa fa nella vita? Perché ha iniziato a scrivere? Cosa sogna?
Ho avuto l’occasione di conoscere personalmente Rosa Ventrella, autrice di Innamorarsi a Parigi, intervistandola per RecensioniLibri.org. Ho colto l’occasione per farle altre domande che mi ronzavano nella testa mentre leggevo il suo romanzo, in modo da potervi presentare questa donna che con passione sta cercando di realizzare il suo sogno: quello di diventare una scrittrice.

Nel suo romanzo Innamorarsi a Parigi racconta una storia d’amore in cui un ruolo fondamentale è svolto dal destino. Lei ci crede nel destino?

Assolutamente sì! Così come credo che esista qualcosa di incomprensibile, un filo sottile che leghi le vite delle persone…

Da dove trae ispirazione per le sue storie e quanto di lei c’è in ognuna di esse?

L’ispirazione è fondamentale per uno scrittore. Credo che si manifesti in modo diverso da persona a persona. So di scrittori che prendono appunti su blocchetti sparsi per casa, di altri che hanno bisogno di isolarsi dal resto del mondo perché la storia giusta arrivi a illuminarli. Nel mio caso, l’ispirazione mi piomba sulla testa così, all’improvviso. Magari posso trascorrere giorni a cercare di scovare la trama per il prossimo romanzo, ma niente che mi entusiasmi davvero, poi in un lampo, di notte soprattutto, o anche mentre sto facendo altro (l’ispirazione del mio prossimo romanzo per esempio è arrivata un pomeriggio, improvvisamente, mentre spiegavo a mia figlia cosa fossero gli squadroni fascisti!!!) arriva, come un’illuminazione. Una storia già completa!!! Per ora è sempre andata così, spero che questa buona abitudine non mi abbandoni!

Cosa vuol dire essere una scrittrice nel 2015?

Questa è una domanda difficile! Certamente è molto più complicato rispetto a qualche anno fa. E la crisi dell’editoria non aiuta di certo! Purtroppo il nostro è un Paese che legge molto poco e credo che tutti dovremmo cercare di cambiare questa cosa e inculcare soprattutto nei giovani l’amore per la scrittura, sin da bambini. Per il resto, chi ha la fortuna di scrivere, e diventare scrittore, ha certamente una grande possibilità che è quella di entrare nel cuore delle persone, e questo credo sia meraviglioso.

Se avesse raccontato “Innamorarsi a Parigi” dal punto di vista di Annette, cosa ci sarebbe stato di diverso?

In effetti ho pensato di riscrivere la storia dal punto di vista di Annette…. Un romanzo con il titolo La ragazza di Parigi. Ci sarebbe stata l’infanzia di Annina, nel tentativo di scavare più a fondo nella sua malinconia, nelle ragioni del malessere esistenziale che si porta dietro. Poi avrei dato spazio ovviamente all’altalena di sentimenti che la legano ora a Giulio, ora ad Antonio.

Cosa si aspetta dal futuro?

Mi aspetto di continuare a scrivere e di abbracciare, con i miei libri, un numero sempre maggiore di lettrici elettori. Mi auguro di avere sempre la fiducia della mia fantastica agente Maria Cristina Guerra. Devo tutto a lei, in ogni caso!!!


Di seguito trovate una breve biografia dell’autrice, scritta dalla stessa.

Una laurea con lode in storia contemporanea e un Master in Dirigenza scolastica. Oltre che insegnare lettere da quattordici anni, è appassionata di scrittura sin da adolescente. Per numerosi anni ha curato la stesura di articoli storici per riviste specializzate. Ha lavorato come editor esterno per una casa editrice e da circa cinque anni gestisce laboratori di scrittura creativa per ragazzi. Ha scritto due saggi sulla condizione femminile nella storia e tenuto diverse conferenze sul tema. Ha esordito come “romanziera” nel 2010, pubblicando quattro libri per piccole case editrici. Il suo debutto vero, però, l’anno scorso con il romanzo Il giardino degli oleandri, un successo di critica e pubblico, edito dalla Newton Compton. Scrive per la rivista I fiori del male. Il suo nuovo romanzo, appena uscito, si intitola Innamorarsi a Parigi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...