#gdli100libri diciassettesimo libro: “Il processo” di Frank Kafka

IMG_4523

Qualcuno doveva aver calunniato Josef K., perché senza che avesse fatto niente di male, una mattina fu arrestato.

Lo ammetto: il #gdli100libri di ottobre mi ha delusa. Nel senso che dopo l’esperienza di Cuore di Edmondo De Amicis speravo in un romanzo che mi prendesse e mi coinvolgesse. E invece, anche se indubbiamente è stato fatto un passo in avanti, ancora non ci siamo. La seconda lettura di ottobre è stata Il processo di Franz Kafka. Non avevo mai letto nulla di Kafka e, a quanto mi è parso di capire, non è proprio il modo adatto per iniziare a conoscere questo autore. Però, come dire, questo ha passato il convento e io mi sono adattata. Seppur con fatica e ansia. Esatto: ansia. Perché se dovessi riassumere il mio stato d’animo durante la lettura di questo romanzo potrei farlo solo con questa parola. Dicono sia normale e che era questo, in fondo, l’obiettivo dell’autore. Per me, invece, non lo è affatto. Un libro che mi trasmette ansia per me è NO.

IMG_1535

Il processo è un romanzo incompiuto di Franz Kafka, pubblicato nel 1925 dal suo amico Max Brod, il quale lo considerava la sua opera più grande. Racconta la storia surreale di un processo giudiziario subito dal protagonista, Josef K., il quale viene accusato, processato e poi condannato per motivi sconosciuti. Non posso dire di aver amato questo libro, ma posso dire che nel complesso mi è piaciuto, ne ho colto il significato e, in qualche modo, l’ho apprezzato. Non ci penso minimamente a rileggerlo, perché lo stile scelto e l’argomento trattato hanno come obiettivo quello di produrre nel lettore ansia e angoscia ed è proprio ciò che è successo a me. Una volta arrivata a metà lettura ho avuto come una illuminazione: ho capito che la storia che stavo leggendo è semplicemente una grande metafora della vita, delle sue assurdità, delle sue contraddizioni e di quella verità che tutti noi cerchiamo incessantemente ma che, forse, non siamo destinati a conoscere, proprio come Josef K., il quale si trova immischiato in un qualcosa più grande di lui, qualcosa che non riesce a conoscere, a capire e a fronteggiare.

E’ arrivato il momento in cui dovrei consigliarvi se leggere o meno questo romanzo. La verità è che non ne ho la più pallida idea. In entrambi i casi mi sentirei, come dire, disonesta. Sono divisa a metà, perché nonostante io abbia capito e apprezzato il romanzo e l’idea che c’è dietro, la grandezza di Kafka e la potenza della sua narrazione, non sarei onesta nel dirvi “leggete questo romanzo, vi piacerà tantissimo, vi appassionerà” ecc. Non è così. Il processo è un romanzo difficile da leggere, da capire e da apprezzare. Se volete avventurarvi in questa lettura, assicuratevi di avere la mente sgombra da problemi e da qualsiasi ombra di stanchezza.  Vi servirà lucidità e molto coraggio. Se avete queste caratteristiche, vi auguro una buona lettura. Sarà un viaggio lungo e faticoso, ma il finale vi ripagherà di tutto.

Per leggere le opinioni degli altri partecipanti al gruppo di lettura cliccate i seguenti link:
– l’estrazione del romanzo;
– la discussione finale.

Vi comunico che il diciottesimo libro estratto da Giorgia (@ifeelbook) è Delitto e Castigo di Fedor Dostoevskij, la cui lettura impegnerà tutto il mese di novembre.


 

415ouuSOSWL._SX318_BO1,204,203,200_
Il processo – Franz Kafka

Casa editrice: Feltrinelli
Lunghezza: 234 p.  
Formato Kindle: € 1,05 
Copertina Flessibile: € 6,38
Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...