Di Natale, lauree e tempo in famiglia.

IMG_6216

E’ arrivata ed è già finita quella settimana che aspettavo da mesi. Quella settimana fatta di un’immersione in famiglia di cui avevo bisogno, perché spesso ci si perde in qualcosa di nuovo e riusciamo solo a riconoscerci, e ritrovarci, negli occhi degli altri. E dov’è finita adesso? E’ già diventata fotografie che guardo e riguardo per dare un senso a ciò che è successo, ricordi che hanno tormentato il mio volo di rientro, sensazioni che mi lasciano addosso una tristezza appiccicosa, che non riesco a scrollarmi via.
E’ iniziata a Firenze, dove sono andata per la laurea di mia sorella, ed è stato strano rivivere quel momento su di una pelle che non è più la mia. L’agitazione, il discorso ripetuto fino allo sfinimento, i palpiti al cuore e poi la gioia, gli applausi, i coriandoli, le lacrime, i brindisi. Un traguardo troppo comune ma talmente personale da essere sempre diverso, sempre nuovo, sempre emozionante.
Poi, dopo un viaggio di dodici ore, bloccati nel traffico delle ferie natalizie, sono arrivata a Otranto, dove tutto sembra sempre uguale eppure la vita va avanti, tutto cambia e io ne resto un po’ fuori. Eppure la luce che taglia il castello è sempre la stessa, il mare è di un turchino che riempie i miei ricordi e l’aria è calda, come una carezza.
Questo Natale è stato diverso da tutti quelli di cui ho memoria. La famiglia sopravvive, ma le ferite sanguinano ancora e le assenze si sono avvertite pesanti, ingombranti, totali. Non vorrei dire che niente sarà più come prima perché cerco, in qualche modo, lottando contro me stessa, di non essere pessimista. Ma la verità è che niente sarà più come prima, che mi piaccia o no. Forse l’errore è stato mio, perché non ho mai pensato che sarebbe capitato anche a me di vivere tutta la vita con un senso di vuoto nel cuore.
Ora sono a Mestre, sono tornata a lavoro e la vita vera mi sembra ancora un sogno. Sono triste ma mi sento arricchita di mille ricordi nuovi. Se c’è una cosa che il 2015 mi ha insegnato è proprio questa:  essere grata per il tempo che trascorro con le persone che amo.

Buon Natale a tutti, anche se in ritardo.

Chiara.

Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...