#citazioni – da “Il Maestro e Margherita” di Michail Bulgakov

img_4961

“Vede, si può dire che sia una storia strana, io mi trovo qui per lo stesso motivo per cui anche lei vi si trova: a causa di Ponzio Pilato”. L’ospite si guardò intorno con espressione impaurita e disse: “La questione è che un anno fa io ho scritto un romanzo su Pilato”.
“Lei è uno scrittore?” chiese con vivo interesse il poeta.
L’ospite si oscurò in viso e agitò il pugno verso Ivan, poi disse:
“Io sono un Maestro”. Era diventato severo: estrasse dalla tasca della vestaglia un berrettino nero, tutto unto, sul quale era ricamata con del filo giallo di seta la lettera M. Indossò questo berrettino e si mostrò a Ivan di fronte e di profilo, per provare che era un Maestro. “Me l’ha cucito lei, con le sue mani,” soggiunse, misterioso.
“Ma qual’è il suo nome?”
“Non ho più nome,” rispose con cupo disprezzo lo strano ospite. “Ho rinunciato ad averlo, come ho rinunciato a tutto nella vita. Dimentichiamolo.”
“Mi parli un po’ almeno del romanzo,” chiese Ivan con delicatezza.
“Se non le spiace… Vede, la mia vita, bisogna dire, non si è svolta nel più comune dei modi…” cominciò l’ospite.

tratto da Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov


Il Maestro e MargheritaMichail Bulgakov51L5bBWzKyL._SX321_BO1,204,203,200_
Feltrinelli, 552 p.
Formato Kindle € 1,49
Copertina Flessibile € 8,08
Audiobook Audible Gratis per i primi 30 giorni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...