Le mie letture del 2016: il meglio e il peggio

img_6401

Come lo scorso anno, è arrivato il momento di fare un resoconto delle mie letture del 2016. Mi sono piaciuti i libri che ho letto? Qualcuno mi ha deluso? C’è qualcosa che rileggerei? La risposta a queste domande è sì e oggi vi propongo il mio bilancio in questo post e nel video che vi lascio di seguito.

 

#NUOVE USCITE
Ancora una volta ho avuto l’occasione di leggere diversi libri appena usciti, alcuni grazie a case editrici con cui collaboro e altri grazie a regali speciali.

  1. L’imperatrice del deserto di Anne Lise Marstrand-Jørgensen
    Questo romanzo, edito da Sonzogno Editori, racconta di Makeda (la regina di Saba) e di re Salomone. Mi ha profondamente colpita non solo perché si tratta di un racconto che si pone a metà tra storia e leggenda, ma soprattutto perché ha per protagonista una donna indipendente e forte, che vuole costruire il proprio destino sfidando la mentalità dell’epoca.
    Clicca qui per leggere l’intera recensione.
  2. Prima famiglia di Pietro Valsecchi
    Pietro Valsecchi è un produttore cinematografico e questo è il suo primo libro, nel quale si trova inevitabilmente traccia dei suoi lavori televisivi. Infatti così come per Squadra Antimafia (serie tv da lui prodotta), anche qui si parla di mafia. Questa volta però, la storia è ambientata a New York nei primi del ‘900 e Valsecchi ci racconta di una famiglia siciliana immigrata in America, nella quale i suoi componenti prenderanno strade diverse: se da una parte c’è chi crede negli ideali di giustizia e di legalità, dall’altra c’è chi si piega all’idea di poter ottenere potere in maniera facile e veloce.
    Clicca qui per leggere l’intera recensione.
  3. L’amante giapponese di Isabel Allende
    L’ultimo romanzo della Allende è, credo, anche uno dei migliori. Perché non solo sono presenti tutti gli elementi che fanno di questa donna la mia scrittrice preferita, ma tratta anche un tema che mi ha molto colpita: parla di bilanci. La protagonista, infatti, è un’anziana donna che racconta la sua vita e nel guardarsi indietro si chiede se ha agito nel modo giusto. Il risultato è una grande lezione di vita, perché la Allende ci dice che ogni scelta, anche quella più inaspettata, è sempre giustificata, per il semplice fatto che è la vita ad avertici portato. Inoltre, qui la vecchiaia viene raccontata in maniera positiva, con gratitudine, in quanto una delle tappe fondamentali della vita.
     Clicca qui per leggere l’intera recensione.

img_6392

#CLASSICI
Ultimamente sto leggendo molti classici – sempre grazie al gruppo di lettura I 100 libri di Dorfles -e l’aspetto positivo è che quasi tutti mi sono piaciuti. Leggere un classico, però, – anche quando ti piace – non è sempre semplice, perché spesso si tratta di storie e di ambientazioni molto lontane da noi e, quindi, di difficile comprensione. Nel corso di questo anno ho però letto almeno tre classici che non solo mi sono piaciuti, ma nei quali sono riuscita a identificarmi senza difficoltà.

  1. 1984 di George Orwell
    Ho appena finito di leggere questo romanzo – tanto che non è ancora online la recensione – e ne sono rimasta molto colpita. Conoscevo a grandi linee la trama grazie ai miei studi di letteratura inglese ma non immaginavo “quel” finale. Ho trovato Orwell molto coraggioso e il mondo da lui creato in qualche modo rivelatore, anche se a tratti un pò spaventoso. L’idea, anche solo se astratta, di vivere in un mondo del genere mi ha fatto venire i brividi.
  2. Madame Bovary di Gustave Flaubert
    Questo romanzo è quello che ho apprezzato di più. Ironico e dettagliato, Flaubert mi ha permesso di identificarmi in Madame Bovary nonostante le nostre evidenti differenze. Insieme alla critica di una classe sociale, la borghesia di provincia, lo scrittore francese ci racconta una storia fatta di insoddisfazioni e di illusioni, di sogni infranti e destini infelici, rendendo così Emma una eroina romantica, nonostante le evidenti scelte sbagliate.
    Clicca qui per leggere l’intera recensione.
  3. Cime tempestose di Emily Brontë
    Questa rilettura è stata per me molto piacevole e mi ha regalato l’opportunità di cogliere diversi aspetti e sfumature che dieci anni fa (quando lessi il romanzo per la prima volta) non avevo neanche intravisto. Al di là di un amore profondo e tormentato, questa volta ci ho visto diverse storie intrecciate: la possibilità di riscatto, la crescita personale di alcuni personaggi, il ritratto degli infiniti volti  che possono indossare le persone, un amore puro e maturo. Credo che questo romanzo sia la prova di come ognuno di noi possa interpretare in maniera diversa una storia e di come queste interpretazioni possano variare in base al momento della nostra vita.
    Clicca qui per leggere l’intera recensione.

img_6411

#FLOP
Anche quest’anno ho purtroppo letto alcuni libri che non mi sono piaciuti. Di alcuni non  mi è piaciuta la trama, di altri i personaggi, mentre in altri casi

  1. Oltre il destino di Jay Crownover
    Questo romanzo, inviatomi dalla Newton Compton Editori, è uno dei peggiori che io abbia mai letto in vita mia. In questo caso non mi è piaciuta la trama, a mio parere inesistente, né tanto meno i personaggi, descritti in maniera superficiale e frettolosa. Per non parlare poi dell’ampio spazio dedicato agli incontri intimi tra i protagonisti. Perché? Questo libro è per me bocciatissimo.
    Clicca qui per leggere l’intera recensione.
  2. Lolita di Vladimir Nabokov
    Questo classico, letto con il gruppo di lettura I 100 libri di Dorfles, mi ha molto delusa. Non solo l’ho trovato spesso noioso, ma ho trovato molto sgradevole – e insensato – il tentativo, da parte dell’autore di giustificare il protagonista e la sua tendenza alla pedofilia. Perché?  Ho cercato di guardare a questo romanzo in maniera diversa grazie ai vostri commenti, ma proprio non ce l’ho fatta.
    Clicca qui per leggere l’intera recensione. 

    1. Il ciclope di Paolo Rumiz
      Acquistai questo libro grazie a un vostro suggerimento e quando scoprì che era ambientato in un faro ero convinta che mi sarebbe piaciuto. Tuttavia, quando mi sono resa conto che si trattava di una semplice raccolta di pensieri e riflessioni e non di una vera e propria storia, sono rimasta molto delusa. Probabilmente il mio disappunto è dovuto a questo, ma non potevo non inserire questo libro tra i flop del 2016 perché, tornassi indietro, non lo acquisterei un’altra volta. 
      Clicca qui per leggere l’intera recensione. 

img_6402

#SCOPERTE
Il 2016 è stato un anno pieno di nuove scoperte, ossa di romanzi che conoscevo e di cui avevo sentito parlare, ma che per un motivo o per un altro non avevo ancora avuto occasione di leggere.

  1. Colazione da Tiffany di Truman Capote
    La letteratura americana mi ha sempre affascinata, ma solo ultimamente sto iniziando a scoprirla e questo grande romanzo mi ha certamente aiutata. Capote mi ha conquistata raccontando la storia di una ragazza all’apparenza indipendente e forte e dalle idee chiare, la quale tuttavia nasconde fragilità e insicurezze, un pò come tutti noi.
    Clicca qui per leggere l’intera recensione. 
  2. Le nonne di Doris Lessing
    Desideravo leggere qualcosa della Lessing da tempo e quando ho scovato questo libro su una bancarella non ho potuto resistergli. Questa raccolta di tre racconti – di cui ho amato in particolar modo  l’ultimo – mi ha fatto scoprire un’autrice che non mi ha lasciata indifferente, di cui ho amato in particolar modo il ritmo narrativo.
    Clicca qui per leggere l’intera recensione. 
  3. L’amore è una cosa meravigliosa di Han Suyin
    Questo libro mi ha permesso di scoprire un’autrice spesso sottovalutata ma sulla quale avevo letto opinioni molto positive in un libro di Oriana Fallaci. In realtà di questa storia non ho amato l’amore travolgente che dovrebbe raccontare – amore che io ho trovato un pò freddino, a dire il vero – ma il continuo confronto tra Oriente e Occidente, due mondi diametralmente opposti ma in egual modo affascinanti.
    Clicca qui per leggere l’intera recensione. 

41pmuwfu7dlL’imperatrice del deserto – Anne Lise Marstrand-Jørgensen
Sonzogno Editori, 421 p.
Formato Kindle € 9,99
Copertina Flessibile € 16,58

 

 

"PRIMA FAMIGLIA" di Pietro ValsecchiPrima famiglia – Pietro Valsecchi
Mondadori, 338 p.
Formato Kindle € 9,99
Copertina Rigida € 17,00

 

 

"L'AMANTE GIAPPONESE" di Isabel Allende L’amante giapponese – Isabel Allende
Feltrinelli, 245 p.
Formato Kindle € 12,99
Copertina Flessibile € 9,50
Audiobook Audible € 0,00

 

 


51a3yiv5ohl-_sx320_bo1204203200_ 1984 – George Orwell
Mondadori, 366 p.
Formato Kindle € 6,99
Copertina Rigida € 7,65
Copertina Flessibile € 11,90

 

 

MADAME BOVARY - Gustave FlaubertMadame Bovary – Gustave Flaubert
Mondadori, 464 p.
Formato Kindle € 2,99
Copertina Flessibile € 4,00
Audiobook Audible € 0,00

 

 

41xzmq-9jil-_sx294_bo1204203200_Cime tempestose – Emily Bronte
Mondadori, 400 p.
Formato Kindle € 2,99
Copertina Fessibile € 7,00

 

 

 


Oltre-il-destino_The-tattoo-series_5Oltre il destino – Jay Crownover
Newton Compton Editori, 303 p.
Formato Kindle € 4,99
Copertina Rigida € 8,42

 

 

41YipcvD6TL._SX319_BO1,204,203,200_Lolita – Vladimir Nabokov
Adelphi, 395 p.
Formato Kindle € 4,99
Copertina Rigida € 12,00
Copertina Flessibile € 9,35
Audiobook Audible € 0,00

 

IL CICLOPE - Paolo RumizIl ciclope – Paolo Rumiz
Feltrinelli, 149 p.
Formato Kindle € 9,99
Copertina Flessibile € 12,75
Audiobook Audible € 0,00

 

 


41CurJuWenL._SX310_BO1,204,203,200_Colazione da Tiffany – Truman Capote
Garzanti Libri, 128 p.
Copertina Rigida € 10,00

 

 

 

51Q7AXVx3eL._SX312_BO1,204,203,200_Le nonne – Doris Lessing
Feltrinelli,
Formato Kindle € 5,99
Copertina Flessibile € 7,23

 

 

4542615L’amore è una cosa meravigliosa – Han Suyin
Sonzogno Editori, 394 p.
Formato Kindle € 9,99
Copertina Flessibile € 15,30

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. wwayne ha detto:

    Io invece, se dovessi citare le mie letture migliori del 2016, il primo nome che farei sarebbe senza dubbio “Lascia che accada” di Amber L. Johnson. Un libro delicatissimo su una ragazza che si innamora di un coetaneo con la sindrome di Asperger, e quindi sugli eroici sforzi che lei compie per accettare tutte le pesanti anormalità che derivano dall’avere una relazione con lui. Avrei voluto recensire questo romanzo, ma ogni volta che ci provavo mi rendevo conto di camminare su un campo minato, perché qualsiasi cosa io scrivessi rischiavo di risultare involontariamente offensivo nei confronti delle persone diversamente abili. E quindi ho dolorosamente rinunciato.
    Molto bello anche “Noi due ai confini del mondo” di Morgan Matson, sul quale ho già detto tutto nella mia recensione (https://wwayne.wordpress.com/2016/03/20/un-viaggio-memorabile/).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...