I libri del mese: Gennaio 2017 + Video

img_6661

Il primo mese del 2017 è iniziato con un piccolo miracolo: ho letto – o forse dovrei dire divorato – tanti libri belli, che mi hanno emozionata e con i quali ho sentito un forte legame. Questo mi ha un pò consolata, perché, come vi raccontavo qui, ultimamente stavo faticando a trovare libri dai quali essere veramente coinvolta. Ecco perché le letture di questo mese – o almeno la maggior parte di esse – mi hanno in questo senso rasserenata. Nel video che trovate di seguito vi racconto tutto nel dettaglio!

 

// Diario di un dolore di C. S. Lewis //
Desideravo leggere questo libro – nel quale avevo riposto molte aspettative – da tempo. Qui Lewis ci racconta il suo dolore di fronte alla morte della moglie e io speravo vivamente che mi avrebbe aiutata ad affrontare alcuni miei lutti. In realtà così non è stato, per il semplice fatto che era già passato troppo tempo. E’ vero, il dolore per una perdita non passa mai, ma sicuramente cambia. Ho tuttavia riconosciuto, in questo racconto, i miei stessi pensieri, le mie stesse angosce, i miei stessi timori. In questo senso, sì, è stata una lettura utile.
Qui trovi la recensione del libro.

Avevo pensato di poter descrivere uno stato, di fare una mappa dell’afflizione. Invece ho scoperto che l’afflizione non è uno stato, bensì un processo. Non le serve una mappa ma una storia, e se non smetto di scrivere questa storia in un punto del tutto arbitrario, non vedo per quale motivo dovrei mai smettere. Ogni giorno c’è qualche novità da registrare. Il dolore di un lutto è come una lunga valle, una valle tortuosa dove qualsiasi cura può rivelare un paesaggio affatto nuovo. Come ho già notato, ciò non accade con tutte le curve. A volte la sorpresa è di segno opposto: ti trovi di fronte lo stesso paesaggio che pensavi di esserti lasciato alle spalle chilometri prima. E’ allora che ti chiedi se per caso la valle non sia una trincea circolare. Ma no. Ci sono, è vero, ritorni parziali, ma la sequenza non si ripete.

// Intervista con la storia di Oriana Fallaci //
Ho iniziato a leggere questo libro la scorsa estate e non è stata per niente una passeggiata. Si tratta di una serie di interviste che la Fallaci realizzò negli anni ’70 a diversi personaggi  politici come Kissinger, Andreotti, Indira Gandhi e Panagulis e che, nonostante le difficoltà, mi hanno regalato la possibilità di conoscere meglio eventi storici a noi vicini, i quali però non vengono studiati a scuola. Non me la sento di consigliare questo libro a chi non sia realmente interessato all’argomento, perché non è per niente una lettura semplice. Ci vuole tanta motivazione per portarla al termine.
Qui trovi la recensione del romanzo.

Guardali bene i leader che tengono in mano i destini del mondo: salvo due o tre casi, sembra gli apostoli del grigiore e della mediocrità.

// È tutta vita di Fabio Volo //
Ho letto l’ultimo libro di Fabio Volo per “chiudere il cerchio” ma non mi è piaciuto per niente. Il libro non solo è scritto male, ma lascia passare un messaggio secondo me sbagliato. Nonostante alcuni libri di questo scrittore mi siano piaciuti, devo dire che questa volta secondo me ha proprio toppato.
Qui trovi la recensione del libro.

Un figlio non è un collante, ma un detonatore che può scaraventare lontani, ai lati opposti di una stanza. Bisogna voler stare insieme con tutte le proprie forze, essere disposti a lottare per ritrovare una vicinanza, per poter allungare una mano e trovare ancora l’altro. Senza volontà, senza desiderio di stare insieme, i figli possono essere un’ottima scusa per andarsene.

img_6714

// L’isola di Arturo di Elsa Morante //
Il gruppo di lettura I 100 libri di Dorfles mi ha finalmente permesso di leggere questo libro che volevo leggere da tempo. Si tratta di un grande classico della nostra letteratura, un romanzo di formazione che racconta le difficoltà di diventare adulto, lasciarsi l’infanzia alle spalle ed entrare nella vita vera. Si tratta di un romanzo che ci racconta un’epoca ormai lontana, che tuttavia fa parte di noi. Lettura consigliata.
Qui trovi la recensione del libro.

Spesso certi nostri affetti, che presumiamo magnifici, addirittura sovrumani, sono, in realtà, insipidi; solo un’amarezza terrestre, magari atroce, può, come il sale, suscitare il sapore misterioso della loro profonda mescolanza! Per tutta la mia infanzia e fanciullezza, io avevo creduto d’amare W. G.; e forse m’ingannavo. Soltanto adesso, forse, incominciavo ad amarlo. Mi accadeva qualcosa di sorprendente, che certo in passato non avrei potuto credere, se me l’avessero predetta: W. G. mi faceva compassione.

//  Lettera a un bambino mai nato di Oriana Fallaci //
Era tanto che non leggevo un libro di questo calibro, uno di quei libri che ti rimangono dentro e nei quali ti ritrovi pur non avendo fatto quelle esperienze. Qui la Fallaci parla non solo di maternità ma anche di diritti: diritto di scegliere, diritto di diventare madre o di non diventarlo, diritto di non essere giudicati. Un libro sul dolore e sulla vita, profondo e vero, che mostra, in tutte le sue sfaccettature, un problema all’epoca sfacciatamente ignorato e lo fa con una sensibilità e intelligenza di cui poche persone sono capaci.
Qui trovi la recensione del libro.

Bambino, io sto cercando di spiegarti che essere un uomo non significa avere una coda davanti: significa essere una persona. E anzitutto, a me, interessa che tu sia una persona. E’ una parola stupenda, la parola persona, perché non pone limiti a un uomo o a una donna, non traccia frontiere tra chi ha la coda e chi non ce l’ha. Del resto il filo che divide chi ha la coda da chi non ce l’ha, è un filo talmente sottile: in pratica si riduce alla facoltà di poter crescere o no una creatura nel ventre. Il cuore e il cervello non hanno sesso. E neanche il comportamento. Se sarai una persona di cuore e di cervello, ricordalo, io non starò certo tra quelli che ti ingiungeranno di comportarti in un modo o nell’altro in quanto maschio o femmina. Ti chiederò solo di sfruttare bene il miracolo d’essere nato, di non cedere mai alla viltà.

Mentre vi scrivo sono alle prese con nuove letture: ho deciso di rileggere Inés dell’anima mia di Isabel Allende, sul quale sto confermando le mie opinioni vecchie di dieci anni, e, con il gruppo di lettura #gdli100libri, sto leggendo Via col vento i Margaret Mitchell, al quale dedicheremo ben due mesi, sia febbraio che marzo.

E voi che letture state facendo? E quali libri avete letto ultimamente?


diario-di-un-doloreDiario di un dolore – C. S. Lewis
Adelphi,85 p.
Formato Kindle € 4,99
Copertina Flessibile € 7,65

 

 

 

51GuDBmEoULIntervista con la storia – Oriana Fallaci
BUR Biblioteca Universale Rizzoli, 892 p.
Formato Kindle € 7,99
Copertina Rigida € 6,30
Copertina Flessibile € 12,33

 

 

41dz5r0o3ml-_sx324_bo1204203200_È tutta vita – Fabio Volo
Mondadori, 234 p.
Formato Kindle € 9,99
Copertina Flessibile € 16,15

 

 

41ag87ntfilL’isola di Arturo – Elsa Morante
Einaudi, 398 p.
Formato Kindle € 6,99
Copertina Flessibile € 11,05

 

 

 

516skzco8l-_sx323_bo1204203200_Lettera a un bambino mai nato – Oriana Fallaci
BUR Biblioteca Universale Rizzoli, 145 p.
Formato Kindle € 7,99
Copertina Flessibile € 8,50
Cartonato € 10,00

 

Annunci

3 pensieri su “I libri del mese: Gennaio 2017 + Video

  1. Caffè Doppio ha detto:

    Visto questa mattina il tuo video! Tra tutte oltre la Fallaci mi ispira molto “Diario di un dolore”.
    Fabio Volo lo lessi anni fa, diversi libri tra l’altro, ma l’unico che mi piacque davvero fu “Un giorno in più”.
    Non conoscevo la trama di “è tutta una vita” ma trovo le osservazioni che fai molto corrette, diciamo che mette in risalto l’immaturità di molti uomini nel confronto della paternità e delle responsabilità della vita adulta (sono stata un po’ acidella con gli uomini negli ultimi due commenti che ti ho lasciato ahah)
    Ale

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...