LA SAGA POLDARK – #3 “JEREMY POLDARK” DI WINSTON GRAHAM (1950)


In collaborazione con Sonzogno Editore.

La mattina era trascorsa ed era ormai ora di pranzo quando Demelza, in sella a Caerhays, si diresse verso casa. Evitò i terreni di Trenwith House pensando a quanto le sarebbe piaciuto potersi fermare, come avrebbe fatto un tempo, a fare quattro chiacchiere con Verity. Era una cosa che le mancava così tanto e non si era ancora abituata alla nuova situazione. Ora Verity, quando non era per mare, viveva a Falmouth, felicemente sposata a dispetto dei molti cattivi auspici; e dato che lei aveva lavorato in segreto perché il cambiamento potesse avvenire, non le sembrava giusto lamentarsi. Le nozze di Verity avevano provocato un’aspra frattura tra le loro famiglie, e nonostante il suo sacrificio del Natale passato i contrasti non erano stati davvero superati. La responsabilità non era più di Francis. Fin dalla malattia e dalla morte della piccola Julia, il cugino aveva fatto di tutto per dimostrarle la sua gratitudine. Ma a Ross non importava. Il fallimento della Carnmore Copper Company li aveva divisi in modo irreparabile, e se i suoi sospetti sulla cause del fallimento erano giusti, Demelza non poteva proprio biasimarlo. Tuttavia, sarebbe stata ben più felice se le cose fossero andate diversamente. Per natura, preferiva le soluzioni chiare all’ombra amara di dubbi persistenti.

Jeremy Poldark di Winston Graham, pubblicato nel 1950, è il terzo capito della saga Poldark, riportato al grande pubblico dalla Sonzogno Editore. Tornano, in questo romanzo, le vicende della famiglia Poldark, i paesaggi della Cornovaglia e le vicende storiche di fine ‘700, che abbiamo già conosciuto con i primi due capitoli, di cui trovate qui sotto i link alle recensioni.

 

RECENSIONE
Ross Poldark
di Winston Graham

 

RECENSIONE
Demelza
di Winston Graham

 

Alla giuria venne chiesto di prestare giuramento, ma lei non riuscì a sentire nemmeno una parola. Stava pensando a Ross, alla prima volta che lo aveva visto, quel giorno di tanti anni prima, alla fiera di Redruth. Le sembrava che fosse passato un secolo; tuttavia, mentre lei era cresciuta ed era cambiata al di là di ogni possibile previsione e immaginazione, lui era in qualche modo ringiovanito ai suoi occhi, pur restando sempre lo stesso. Sebbene fosse un uomo morale, era per lei una costante, qualcosa di immutabile, di infinitamente affidabile, il centro attorno cui ruotava tutta la sua vita. Non avrebbe mai potuto esserci un altro. Senza di lui, sarebbe stata viva solo a metà.

Avevamo lasciato Demelza e Ross distrutti per la perdita della figlia Julia e qui li ritroviamo a combattere con un processo in cui Ross rischia la vita, le difficoltà economiche e i debiti, la sfida di una nuova maternità e di un nuovo progetto, la voglia di rimettere in sesto la serenità familiare. Devo ammettere che inizialmente questo terzo capitolo non mi stava particolarmente prendendo. Lo trovavo noioso e continuavo a chiedermi se con l’andare avanti dei libri sarebbe stato sempre così. Invece poi qualcosa è cambiato e la voglia di scoprire il destino dei personaggi di questa saga è tornata alla riscossa.

E così si chiude il cerchio, pensò Demelza. Tre anni fa abbiamo passato il Natale a Trenwith. Un giorno simile a questo, nuvoloso e tranquillo. Allora ero talmente spaventata che non sapevo quel che dicevo. Una sguattera in visita dai ricchi. Adesso è tutto cambiato. Sono ancora nervosa, in un certo senso, ma non come allora. Anche loro sono poveri, poveri quanto noi, Francis lavora la sua terra ed Elizabeth… Elizabeth ha perso ogni sua paura ed è piena di gratitudine nei miei confronti per quello che ho fatto lo scorso Natale. La mia cara Verity non vive più lì. Ma non ho paura di sbagliare o di mettermi in ridicolo. Eppure, non sono nemmeno lontanamente felice quanto lo ero allora. E la cosa più strana è che sto aspettando un altro figlio e anche stavolta lo sto nascondendo a Ross, benché per un motivo diverso… e sono al quarto mese, proprio come allora.

Ho trovato questo terzo capitolo perfettamente in linea con i due precedenti per stile e sensazioni, continuando fedelmente la narrazione di ciò che accade alla famiglia Poldark e tracciando un quadro certamente preciso ma non estremamente dettagliando (altrimenti, a mio avviso, avrebbe rischiato di diventare pesante e fuori luogo) del quadro storico e politico in cui sono ambientate le vicende.

Una farfalla si posò sul lillà e rimase per un attimo lì, con le ali che tremolavano. Niente nel mondo esterno sarebbe cambiato per andare incontro a lui e ai suoi piani, lo sapeva. Sarebbe stato come se quella farfalla avesse chiesto al tramonto o a una bufera di arrivare un altro giorno. Rispetto alla sua impresa, accettava la sfida. Un domani, forse, avrebbe ripensato a quel giorno come all’inizio di un tempo di prosperità o forse come all’ultimo passo verso la rovina definitiva. Era quella la corda su cui stava caminando e, come tuti, non era in grado di vedere al di là del passo successivo.

Per tutti questi motivi devo dire che sì, alla fine Jeremy Poldark mi è piaciuto e credo proprio che continuerò la lettura e la scoperta di questa saga.


***DISCLAIMER*** Questo non è un post sponsorizzato. Il libro recensito in questo articolo mi è stato inviato gratuitamente. Le opinioni sono frutto della mia onestà intellettuale e della mia soggettiva esperienza di lettura.


Jeremy Poldark
di Winston Graham

Casa editrice: Sonzogno
Lunghezza: 336 p.  
Formato Kindle: € 9,99
Copertina Flessibile: € 15,30
Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. illettorecurioso ha detto:

    Sto seguendo la serie televisiva ma non ho ancora preso i libri, sicuramente in futuro li leggerò 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...