IL BLOCCO DEL LETTORE: COSA STO FACENDO PER SUPERARLO

Inizio a scrivere questo post senza troppi giri di parole, bensì partendo da una confessione. Ho il blocco del lettore. Bella situazione per una che gestisce un blog in cui parla principalmente di libri, vero?

Devo dire che non sono mai stata una di quelle lettrici che da importanza al numero di libri letti ma è un dato di fatto: se seguite la mia rubrica i libri del mese vi sarete certamente accorti che ultimamente sto leggendo poco. Cosa mi sta succedendo?, mi sono chiesta. L’unica risposta che sono riuscita a darmi è che negli ultimi mesi ho accumulato veramente troppo stress. L’esperienza di comprare e ristrutturare casa è stata certamente emozionante, ma è stato anche un progetto che mi ha prosciugata di qualsiasi cosa. Pazienza, tempo, energia mentale. Da settembre in poi ho iniziato ad affrontare delle situazioni antipatiche per una che si definisce una lettrice incallita. Leggo e mi accorgo di non essere attenta, perché la mia mente vaga altrove. Guardo i libri in attesa di essere letti e non ho voglia neanche di prenderli tra le mani. Mi dico che sto leggendo troppo poco e mi rendo conto che non me ne importa niente. Inizialmente credevo che una volta passato il caos degli operai dentro casa e dei problemi più urgenti, la situazione si sarebbe sbloccata. Tuttavia oggi continuo a trovarmi incastrata in una situazione che non mi appartiene. Più legata alle incombenze quotidiane che alle avventure fantastiche che abitano i libri.

Ho pensato, quindi, che potrebbe essere utile parlarne con voi. Cosa sto facendo per cambiare la situazione? Diciamo che non esistono delle regole magiche, cerco semplicemente di ascoltare il mio istinto e devo dire che piano piano le cose stanno migliorando. E allora ho deciso di raccontarvi la mia esperienza attraverso le 5 cose che sto facendo per superare il blocco del lettore.

1] Non sforzarmi.

Ho capito che è inutile sforzarmi. Se leggo quando non ne ho voglia e ho altri pensieri per la testa, leggere diventa un semplice automatismo. E non va bene, perché non mi godo il momento e non mi rimane niente. Di conseguenza mi innervosisco. Leggere per senso del dovere, giusto per non perdere l’abitudine, diventa un’altra di quelle azioni che quotidianamente “devo fare”, non una di quelle che “voglio fare”.

2] Non sperimentare.

In questi mesi ho cercato diverse volte di leggere qualcuno dei libri che sono a prendere polvere sul comò della mia camera da letto, in attesa di essere letti. Per lo più si tratta di libri che ho comprato in giro giusto perché costavano poco o che ho ricevuto in omaggio da alcune case editrici. In entrambi i casi si tratta di libri che sono finiti tra le mie mani quasi per caso, non perché io desideravo leggerli da tempo. Ho capito, dunque, che è inutile sperimentare nuove letture proprio in questo momento, perché questa si è rivelata essere un’attività controproducente.

3] stabilire quante pagine leggere al giorno.

Avere il blocco del lettore significa che ci sono giorni che trovo mille scuse e mille attività da fare pur di non aprire un libro. Nell’ultimo periodo sto, per esempio, seguendo diverse serie tv e sono tornata a lavorare all’uncinetto con l’obiettivo di fare un maglione (ma questa è un’altra storia). Ho capito, dunque, che è producente, nei giorni sì, dirmi “Chiara, leggi almeno venti pagine e poi fai il cacchio che ti pare”. Con me funziona. Questo stabilire un tot di pagine da leggere al giorno mi permette di ristabilire una connessione tra me e il libro che altrimenti non sarebbe possibile.

4] Rileggere il mio libro/autore preferito.

Un sintomo di questa situazione è quello di aver perso l’entusiasmo di perdermi in una storia. Mi sono accorta, però, che questo non accade rileggendo un libro che amo tanto o approcciandomi agli scrittori che più mi piacciono. Ecco perché ultimamente ho riletto diversi libri che hanno sempre il potere di riportarmi a casa. Tra i libri che ho tirato fuori dagli scatoloni ci sono, per esempio, L’ora di tutti di Maria Corti  e Se non ti vedo non esisti di Levante e poi è stata fondamentale, come sempre, la mia scrittrice preferita Isabel Allende, della quale ho riletto alcuni stralci dei miei romanzi preferiti, il suo ultimo lavoro Oltre l’inverno e ora sto rileggendo interamente Il quaderno di Maya. Inoltre, proprio ieri ho effettuato un ordine online contenente due titoli che vorrei leggere da diversi anni e che, per vari motivi, non ho mai acquistato. Credo che questa sia la strada giusta.

5] Darmi tempo.

E’ inutile disperarmi per una situazione che, lo so, non cambierà da un giorno all’altro ma si evolverà naturalmente e con qualche piccolo accorgimento da parte mia. Non posso colpevolizzarmi per tutto lo stress che ho interiorizzato nell’ultimo periodo e che è uscito fuori in questo modo . Tutto ciò che posso fare è darmi del tempo e ritrovare l’entusiasmo per la lettura negli autori e nelle parole che amo passo dopo passo.

Ci tengo a dirvi che ho voluto condividere con voi la mia situazione perché penso che il confronto possa essere un’arma a mio favore, e magari anche a favore di qualcun altro che può trovarsi nella mia situazione. Mi piacerebbe, quindi, se vi va, ascoltare le vostre storie e i vostri consigli.

Annunci

11 commenti Aggiungi il tuo

  1. Chiara Nicolazzo ha detto:

    Grazie per i consigli!

    Mi piace

  2. amulius ha detto:

    (Mi é partito il commento, maledetto cell!)
    –continua–
    Eppure trovare ad esempio delle letture di Baricco su vari temi mi ha ravvivato quella passione e curiosità per la lettura che sembrava persa. Il secondo fattore é stato riprendere la lettura del “Ronaldinho della letteratura”: Marcel Proust. Davanti al suo modo di scrivere geniale e pazzesco, non si può restare indifferenti e questo mi ha “scosso” a tal punto da farmi tornare la voglia di gustarsi un buon libro.

    Mi piace

  3. amulius ha detto:

    Mi é successo da poco e posso affermare con certezza che la strategia di provare a leggere più libri in contemporanea non porta da nessuna parte. Mi sono ritrovato bloccato e sembra che abbia superato la crisi grazie a due fattori. Il primo é Youtube. Strano, vero? Eppure trovare ad esempio le letture e spiegazioni

    Mi piace

  4. Chiara Nicolazzo ha detto:

    Sono d’accordo con te e infatti cerco di “approfittarne” nei momenti positivi! Grazie mille dei tuoi consigli 💙

    Mi piace

  5. Mariquitty ha detto:

    Ciao Chiara, ti capisco perfettamente quando dici di leggere ma di non essere attenta e di ritrovarti con la mente persa dietro altri pensieri. Capita spesso anche a me e ho imparato ad ascoltare anche la mia mente. Non ho mai auvuto il blocco del lettore nel senso stretto della definizione proprio perchè ho imparato a riconoscere le avvisaglie e ad arginarle o prevenirle. Quando capisco di essere in questa situazione semplicemente non leggo, faccio aumentare in me il desiderio di leggere o di finire un libro che avevo già inziato. Oppure, come mi capita nell’ultimo periodo, cerco libri brevi. La mente umana è strana e particolare e a volte va un pò “presa in giro”. Però in generale tento ad assecondarla. Condivido quando dici che non ha senso leggere se poi non riusciamo a trattenere nulla, un libro bello finiamo per odiarlo o considerarlo brutto quando, invece, in un momento di maggiore tranquillità potrebbe addirittura piacerci molto. Continuare a leggere è una violenza che facciamo a noi stesse ma anche al libro.

    Mi piace

  6. Chiara Nicolazzo ha detto:

    Sono d’accordissimo con te!

    Mi piace

  7. Bellissimo articolo! Mi dispiace per la tua situazione e fidati, ti capisco. È successo anche a me l’anno scorso ed era orribile guardare i libri e non avere proprio la minima voglia di leggerli. Diventava pesante, noioso e forzato.
    Penso che la cosa migliore sia ascoltarsi e darsi tempo. Poi passa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.