#gdli100libri quinto libro: “Uno studio in rosso” di Arthur Conan Doyle

Ho iniziato a leggere il quinto libro estratto per il #gdli100libri  non sapendo bene a cosa andavo incontro, perché di Sherlock Holmes avevo solo visto il film con Robert Downey Jr e Jude Law (tra l’altro non perché sia andata a vederlo al cinema, ma perché lo trovai per caso facendo zapping su Sky). Il film non mi ha mai entusiasmata, mentre devo dire che il libro sì, mi è sorprendentemente piaciuto. Uno studio in rosso è il primo romanzo di Arthur Conan Doyle sulle avventure dell’investigatore Sherlock Holmes. Pubblicato nel 1887, questo romanzo ha dato vita ad uno dei personaggi letterari più celebri di sempre, protagonista di diversi romanzi e racconti, ma anche di film, telefilm, videogiochi e fumetti.

“«Per tutto questo devo ringraziarla. Non sarei andato in Lauriston Gardens se non fosse stato per le sue esortazioni, e mi sarei lasciato sfuggire lo studio più interessante che mai mi sia capitato. Uno studio in rosso, no? Perché non dovremmo usare il linguaggio artistico? Nella matassa incolore della vita corre il filo rosso del delitto, e il nostro compito consiste nel dipanarlo, nell’isolarlo, nell’esporne ogni centimetro.»”

In Uno studio in rosso Doyle ci racconta l’incontro, avvenuto nel 1881, tra Sherlock Holmes e John Watson, i quali si ritrovano a condividere un appartamento. Watson (narratore della storia) ha così modo di conoscere Sherlock Holmes e le sue stranezze, ma anche di apprezzare il suo ingegno quando si tratta di risolvere casi di omicidi.

“«Ecco, esercito una professione tutta mia particolare. Credo di essere l’unico al mondo. Sono investigatore-consulente… ma non so se riesce a capire quello c he significa. Qui, a Londra, abbiamo una quantità di investigatori appartenenti alla polizia e un buon numero di investigatori privati. Quando questi bravi signori si trovano disorientati, vengono da me e io riesco a metterli sulla buona pista. Mi espongono tutti gli indizi e io, in generale, con l’aiuto delle mie cognizioni in fatto di storia giudiziaria, riesco a illuminarli. C’è una forte analogia tra i vari misfatti… come un’aria di famiglia… e se lei ha sulla punta delle dita i particolari di novecentonovantanove misfatti, è ben difficile che non riesca a chiarire il millesimo.»”

Ed è proprio un caso investigativo a cui partecipa il famoso detective che ci viene raccontato in questo romanzo. Tramite questa vicenda Sherlock Holmes ci spiega il suo modo di ragionare analitico che lo porta a risolvere tutti i casi nei quali viene interpellato.

“«Ben poche sono le persone che, venendo a conoscenza di un fatto, riescono a dedurre le circostanze che l’hanno provocato. A questa facoltà alludo, quando parlo di ragionamento a ritroso o analitico.»”

Copia di _MG_8913

Personalmente sono una frana nel risolvere questo tipo di misteri. Sarà per questo che non amo questo genere di libri, perché in pratica mi sento stupida. Anche in questo caso nella prima parte del romanzo, dove viene presentato il caso, Sherlock Holmes, con quelli che a me sembrano indizi inutili e indipendenti l’uno dall’altro, riesce a capire chi è l’assassino e ad incastrarlo. Io, chiaramente, non ci avevo capito nulla. Ecco perché la mia attenzione è stata catturata molti di più dalla seconda parte del romanzo, dove vengono raccontati i fatti che hanno poi portato all’omicidio su cui Holmes sta investigando, come se fosse una storia a sè, completamente indipendente da tutti il resto.

Onestamente questo romanzo non mi ha fatto cadere ai suoi piedi, quindi credo che sarà molto difficile trovarmi a leggere gli altri libri legati a questo personaggio. Però a mia discolpa posso dire che è uno dei romanzi che ho letto più facilmente in quest’avventura del #gdli100libri grazie al suo stile semplice e lineare.

Per leggere le opinione degli altri partecipanti al gruppo di lettura cliccate i seguenti link:


Vi ricordo che il quinto libro estratto da Giorgia (@ifeelbook) è Bartleby lo scrivano: una storia di Wall Street di Herman Melville e la sua lettura inizia il 21 marzo.


Uno studio in rossoArthur Conan Doyle

Casa editrice: Mondadori
Lunghezza: 132 p.       
Formato Kindle: € 0,00
Copertina Flessibile: € 7,65